Genova sotto il fango

Stasera vi scrivo con l'amaro in bocca, con la tristezza nel cuore ed il terrore negli occhi.
A Genova, in una città mal governata, piena di problemi e menefreghismo, dove non c'è neanche la minima speranza che il futuro sia migliore, c'è stata l'ennesima alluvione.
Giovedì all'uscita dal lavoro c'era una pioggia torrenziale, nel piazzale dove ho aspettato l'autobus a Molassana i tombini non ricevevano neanche una goccia d'acqua perché saturi di foglie e sporcizia in generale. Sono corsa a prendere il mio bimbo all'asilo in zona Fereggiano e improvvisamente ha smesso di piovere. Il pomeriggio è trascorso tranquillo fino verso le 17 quando ha iniziato a piovere......alle 21.30 ho messo a letto i bimbi ed è scoppiato l'inferno.
Una pioggia monsonica che faceva paura a me, al maritino e a tutti coloro che abitano nel quartiere Staglieno a due passi dal Bisagno....un fiume sporchissimo, dove vi sono alberi giganteschi che sembrano querce, orti, detriti e rifiuti di ogni genere (un paio di settimane fa ho visto che c'era un divano a 3 posti...!). Un fiume abbandonato a se stesso e costretto a scorrere per buona parte del suo corso coperto da strutture di cemento (posteggi, giardini, aiuole....), il suo letto che dicono sia stato ristretto in un punto.... beh non stiamo parlando di un rigagnolo, ma di uno dei fiumi più importanti della città.
Certamente il clima è cambiato, sembra di vivere ai tropici, ma l'uomo
l'uomo in tutta questa catastrofe ha delle innumerevoli colpe.
Dalle finestre di casa mia per fortuna vedo tutto normale, come per incanto, ma nella via parallela c'è un disastro totale, la devastazione....a noi si è infangata la cantina (per fortuna vuota perché in via di ristrutturazione), ma c'è gente che ha perso tutto anche la casa (certo ci si domanda anche chi sia quel demente che ha dato certi permessi d'abitabilità,ma questo è un altro discorso) e addirittura una persona ha perso la vita.
Un grazie speciale a tutti i volontari che ho visto personalmente all' opera (spero che nessuno me ne voglia perché non sono stata d'aiuto a nessuno, ma sono due giorni che faccio la mamma a tempo pieno perché i nonni sono dall' altra parte della città e il maritino spala fango perciò i pupetti spettano a me) ma un  un grazie di cuore va a chi ha bloccato l'utilizzo dei soldi stanziati a seguito dell'alluvione del 2011 per le opere pubbliche per "cause burocratiche"! Ma che se ne vadano a spalare il fango loro e le loro cause burocratiche....vedi che a sporcarsi di bratta (fango) le cause si risolvono subito! Grazie che avete fatto risprofondare Genova nel terrore, nella distruzione, ve ne siamo tutti profondamente grati!
Mio figlio ha neanche 4 anni ed ha già visto 2 alluvioni...sconcertante!
FORZA GENOVA, ANCHE STAVOLTA NE USCIRAI (e per tanto resterà l'incubo ogni volta che inizia a piovere).
Un abbraccio
Scusate lo sfogo

Commenti

  1. L'ennesima vergogna tutta italiana, ormai sappiamo produrre solo questo!!!!!!
    Un abbracio forte forte a tutti voi....

    RispondiElimina

Posta un commento

Se vuoi lascia un commento positivo/negativo alla mia ricettina! Sarà un piacere leggerti e risponderti...e se ancora non ti conosco farò visita nella tua cucina! Un abbraccio, Manu

Post popolari in questo blog

Bicchieri pesche e crema pasticcera

L'amicizia..se fosse una ricetta sarebbe...Muffin allo yogurt

Risotto radicchio, speck e scamorza