martedì 30 ottobre 2012

Muffin carote e amaretti

Ciao blogghine!
Non era in programma scrivere questo post oggi, però devo farlo, devo perchè oggi è il compleanno di un'altra nuova amica, una ragazza super, conosciuta proprio grazie al mio blogghino...eh si è una blogghina pure lei, una blogghina piena di energia, simpaticissima, dolcissima e che spero di conoscere sempre di più e magari un giorno incontrarla pure...avete capito chi è?!? Dai vi do un indizio...la sua è una cucina facile, come la mia...si si è lei, è lei...VALE di cucinafaciledivale
Questo dolce è per festeggiarla, per dirle che le voglio bene (anche se ci conosciamo virtualmente da pochissimo). E' un dolcino semplice, dal gusto particolare che sono sicura le piacerà. La ricetta è di Stefy (fa dei dolci deliziosi e io ne prendo sempre spunto!). BUON COMPLEANNO VALE!

MUFFIN CAROTE E AMARETTI
[ricetta di crema e panna con alcune varianti]

Ingredienti:
- 2 carote
- una manciata di amaretti + 4
- 2 uova
- 140 gr di farina 00
- 60 gr di fecola
- 150 gr di zucchero
- 1 bustina di lievito
- 100 ml di olio di semi di girasole
- 1 pizzico di cannella
- 12 mandorle
- zucchero a velo

Pelare e tritare le carote, tritare gli amaretti (tranne i 4). Montare gli albumi a neve e tenerli da parte; Mescolare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema spumosa, unire l'olio e mescolare nuovamente. Mettere le carote nell'impasto, gli amaretti ed aggiungere le farine + il lievito mescolati assieme, la cannella e, con cura, mescolare. Per ultimi unire gli albumi montati.
Riempire i pirottini messi negli stampini (nel mio caso di silicone) per 2/3.
Cospargere con gli amaretti sbriciolati e su ogni muffin mettere una mandorla.
Cuocere a 180° per 20-25 minuti.
Una volta raffreddati spolverare con zucchero a velo.
Et voilà il risultato:

I muffin appena sfornati


I muffin con lo zucchero a velo

Un muffin su cui mettere la candelina di Vale!

Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di unafettadiparadiso


Buon appetito!
Bacini

lunedì 29 ottobre 2012

Biscotti al cocco

Buon lunedì blogghine!
Come state? Qui insomma insomma: il cucciolo ha sempre raffreddore, il maritino ha il mal di gola e io sono ko, oltre al raffreddore che è tornato, da ieri sera ho febbre e mi sento tutta "rotta", ho male ovunque come se mi avessero picchiato, come se fossi caduta...va beh i classici sintomi da influenza. 
E' un vero peccato dover stare a casa con questo splendido sole, anche se, da quanto ho capito, l'inverno è arrivato...fa freddo freddo!!!

Il mio è stato un fine settimana ricco di compleanni: sabato quello del mio papà (a breve posterò la ricetta della torta che gli ho preparato) e ieri il primo della nostra amichetta Eleonora (a breve posterò i cupcake che le ho preparato). 

Oggi però voglio condividere con voi questi deliziosi biscotti al cocco (io li ho ribattezzati "Biscotti uno tira l'altro!), la cui ricetta originale è di Stefania, ho apportato alcune modifiche e la prossima volta ne apporterò altre (devono essere deliziosi anche con le scaglie di cioccolato...). Grazie come sempre Stefy per gli splendidi dolcini che condividi sul web!
E' una ricetta svuota frigo: vi sono avanzati dei tuorli? Avete dello yogurt o della panna in scadenza? Ecco quindi questi fantastici biscotti (adatti per la colazione, per la pausa-te, per il dopocena).

BISCOTTI AL COCCO
[la ricetta originale di Stefania]

Ingredienti:
- 2 tuorli sodi
- 55 gr di farina 00
- 30 gr di farina di cocco
- 67 gr di fecola di patate
- 50 gr di zucchero
- 67 gr di burro
- 34 gr di yogurt o panna fresca
- 1 bustina di vanillina

Ammorbidire il burro e lavorarlo con lo zucchero, unire i tuorli schiacciati con una forchetta e lo yogurt o la panna. Amalgamare il tutto ed unire le farine e la vanillina. Io ho impastato tutto nella planetaria, fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Fasciarlo nella pellicola e metterlo in frigo per almeno un'ora. 
Una volta riposato, riprendere l'impasto, stenderlo con il matterello sul piano da lavoro spolverizzato con farina e, con le formine, creare i biscottini.
Mettere su teglia ricoperta da carta da forno e cuocere a 180° per 10 minuti ca. (controllare con lo stecchino, resteranno pallidi...non devo abbrustolire!).
Lasciare raffreddare.

Et voilà il risultato:





Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di La ginestra e il mare


Buon appetito!
Bacini

venerdì 26 ottobre 2012

Scaloppine al vino bianco con purè di patate

Ciao amiche!
Oggi giornata uggiosa, ha piovuto quasi tutto il giorno, avevano detto che le temperature si sarebbero abbassate, ma qui sono sempre uguali. Per fortuna finora ha piovuto in maniera giusta, almeno qui a Genova...dopo il 4 Novembre dell'anno scorso, ogni volta che piove un pochino più forte divento ansiosissima...trovarsi nel mezzo dell'alluvione, con un bimbo di 10 mesi, sola in casa, con l'ultima notizia del marito che diceva che si stava allagando tutta la ditta dove lavora, affacciarsi dalla finestra e vedere il Bisagno che è straripato e si porta via di tutto, sentire una voce da un megafono che dice "Abbandonate la zona, rifugiatevi sulle alture"...beh vi garantisco che è stata una giornata infernale, anche se io devo ritenermi più che fortunata perchè non ho perso nulla, e la sera ci siamo ritrovati tutti e tre a casa spaventati, ma salvi e uniti.

Oggi ho passato il pomeriggio a decorare la torta per il compleanno del mio papà, domani compirà 60 anni...gli ho preparato una torta personalizzatissima...che vedrete presto tra i post.

Ora vi propongo un piatto semplice, preparato ieri sera, il mio bimbo ha fatto il bis!

SCALOPPINE AL VINO BIANCO CON PURE' DI PATATE

Ingredienti:
- 4 hg. di fettine per scaloppine
- 1 bicchiere di vino bianco
- 2 cucchiai di farina
- olio
- sale
- pepe
- 5 patate medie (nel mio caso le patate dell'orto dei miei suoceri!)
- 2 bicchieri di latte
- sale
- 2 noci di burro
- noce moscata

Dalla carne ricavare delle fettine più piccole, passarle nella farina e rosolarle da entrambi i lati in una padella con un filo di olio. Aggiungere il vino bianco, il sale, una spolverata di pepe e cuocere a fuoco medio.

Sbucciare e tagliare le patate a cubetti, metterle nella pentola a pressione con il latte ed il sale. Chiudere la pentola e dal sibilo calcolare 7 minuti. Sfiatare e con il frullino ad immersione tritare il tutto...deve risultare il classico puré. Unire il burro, una spolverata di noce moscata, mescolare ed aggiustare di sale.

Et voilà il risultato:



Buon appetito!
Bacini

mercoledì 24 ottobre 2012

Spaghetti con ceci e mais

Ciao blogghine!
Come procede la settimana?
Qui non è iniziata un granchè bene, il cucciolo di casa ha raffreddore e ieri pomeriggio è stato malissimo di stomaco...povero amore, che tenerezza vederlo così, mentre pallido ti guarda con occhietti smarriti e ti dice "mamma" (una delle pochissime parole che sa dire!), così ieri pomeriggio razione tripla di cartoni animati!
Per il resto, un po' di stanchezza, mille cose da fare e poco tempo per farle, ma insomma non mi lamento più di tanto...
Oggi devo iniziare ad organizzarmi perchè ci aspetta un week-end di compleanni e dolci per me! Poi vi racconterò meglio.

Ora passiamo ad una ricetta letta qualche tempo fa sul blog di Cristina...mi è subito piaciuta e ora voglio condividerla con voi.

SPAGHETTI CON CECI E MAIS

Ingredienti:
- 250 gr di spaghetti
- 1 cipolla
- 1 scatola piccola di mais
- 1 scatola di ceci
. 1 bicchiere di vino bianco
- mezzo cucchiaino di zenzero
- olio
- sale
- pepe nero

Lessare la pasta in abbondante acqua salata.
In una padella far rosolare la cipolla tagliata fine in un cucchiaio di olio, unire il vino bianco e sfumare leggermente. Aggiungere i ceci ed il mais sgocciolati, salare, pepare e far cuocere a fuoco basso per pochi minuti.
Frullare una parte del sughetto con il frullino a immersione, unire lo zenzero e mescolare.
Scolare la pasta, metterla nella padella ed unirvi la parte frullata. Mescolare e "saltare" a fuoco vivace.
Servire.

Et voilà il risultato:




Con questa ricetta vorrei partecipare al contest de l'emporio 21

 Banner del contest:

Banner dell'azienda collaboratrice:


Buon appetito!
Bacini

lunedì 22 ottobre 2012

Yogurt fatto da me

Ciao blogghine!
Passato bene il week-end?
Io alla grande, ma prima di raccontarvelo, vorrei ringraziare tutte voi per i commenti al mio post precedente, grazie e benvenute alle nuove iscritte e grazie ancora per il premio che ho ricevuto!
Dicevo che ho passato un gran bel week-end iniziato venerdì con il dopo cena a casa nostra in compagnia dei nostri nuovi amici: due coppie con entrambi una bimba, due splendide amichette del nostro bimbo. Vi confesso che ero un po' intimorita perché era la prima volta che venivano da noi, che passavamo tante ore assieme e con il maritino si conoscevano poco o quasi niente...invece è stata una serata fantastica! I bimbi hanno giocato tra un "mio" e un bacetto di dama grossolano (poi vi posterò la ricetta), tra uno spintone ed una fetta di crostata con pesche e amaretti.

Con la mia dolce metà era dal 20 Settembre (giorno del nostro anniversario di matrimonio) che volevamo festeggiare con un giro in moto, ma per un motivo per l'altro nulla da fare.
Ecco che finalmente questa domenica era perfetta (liberi da impegni e tempo a nostro favore), così ci organizziamo con i miei genitori per lasciare a loro il cucciolo già da sabato pomeriggio (ha dormito per la prima volta a casa loro ed è andato tutto benissimo!).
Sabato sera con il maritino abbiamo preparato tutto l'occorrente (ho rispolverato il casco, i guanti, la giacca da moto...gli auricolari...) e ieri mattina h. 6.45 siamo partiti da casa, abbiamo raggiunto gli amici (tre ragazzi...ovviamente, come al solito, centaure donna neanche l'ombra!) in un autogrill e da lì Arma di Taggia per l'iscrizione al Moto giro quasi gatronomico della Strega.
E' stata una splendida giornata, abbiamo visto posti bellissimi (Isolabona, Ospedaletti e il Principato di Seborga...tutti in provincia di Imperia), siamo stati benissimo, era da tanto che non passavamo una giornata assieme, una giornata con tanto sole, caldo giusto. Siamo stati proprio bene, anche se ora che c'è il nostro cucciolo a casa, ogni cosa che si fa il primo pensiero va a lui...e così anche ieri mentre si sfrecciava (nei limiti ovviamente!) con la moto si pensava a lui, a stare attenti anche per lui...

E ora mi rimbocco le maniche e via con altre ricette!!!

YOGURT FATTO DA ME

Ingredienti:
- 1 lt di latte
- 1 bustina di fermenti lattici liofilizzati "YOGURT LINEA" (li ho comprati in farmacia)

Far bollire il latte e lasciarlo poi "raffreddare" a 40 gradi (io non ho un termometro quindi sono andata un po' ad occhio...quando ho immerso il dito per sentire la temperatura, il latte era ancora caldo ma non bollente!).
Se avete la yogurtiera mettete lo yogurt nel vaso e lasciate "lavorare" da 6 a 12 ore. 
Se, come me, non l'avete, accendete il forno a 40° e, nel contenitore dove conserverete lo yogurt (io ho usato un barattolo di vetro) far sciogliere i fermenti lattici con un paio di cucchiai di latte, mescolare con la frusta ed aggiungere pian piano il latte restante, mescolare nuovamente.
Fasciare il barattolo in uno strofinaccio, in modo che resti al caldo, e posizionarlo nel forno che lascerete acceso a 40° da 6 a 12 ore...io l'ho lasciato tutta la notte e la mattina seguente lo yogurt era bello denso.
Una volta addensato, con l'aiuto di una schiumarola, togliere il siero che si sarà formato in superficie (basterà posizionare la schiumarola sul barattolo, piegare lievemente il barattolo. 
Mettere quindi il barattolo in frigorifero. Prima di gustarlo, rimescolare e zuccherare o servire con qualche cucchiaio di marmellata, o cereali o frutta fresca o usarlo per preparare altri piatti...
Per generare altro yogurt, tenete un paio di cucchiai come base e ricominciate la preparazione facendo bollire il latte...ecc...

Et voilà il risultato:

Yogurt con la marmellata di pesche

Yogurt con marmellata e pesca a pezzi
Buon appetito!
Bacini

sabato 20 ottobre 2012

Il mio primo premio: PREMIO SIMPLICITY

Blogghine, amiche care, ciao!
Come state? 
Voi credete nel destino?!? Io si...oggi non avevo intenzione di controllare il blog, sono un po' stanchina, ho tante cose da fare in casa, però ho deciso di rilassarmi un attimo e accendere il pc.
Come al solito, per prima cosa, guardo se ci sono nuovi commenti alle mie ricette e vedo che nel post delle "Lasagne al pesto" c'è un commento in più, lo apro immediatamente e leggo l'invito di Anto nella cucina di andare a vedere il suo blog perché c'è un pensiero per me. Il mio primo pensiero?!? Anto ha sbagliato a scrivermi...vado subito sul suo blog e vedo un post dedicato ai premi che ha ricevuto. Subito mi batte forte il cuore, poi sempre più convinta penso che si sia sbagliata, che volesse scrivere a qualcun altro...invece sono lì, il mio blog è lì, è menzionato nel suo post in merito al "PREMIO SEMPLICITY", Anto ha voluto donare questo premio anche a me. Vi rendete conto?!? Il mio blogghino ha appena ricevuto un premio, non ci credo, sono al settimo cielo...e io che l'ho aperto così per caso...
Et voilà il premio che ho ricevuto


Anto è stata gentilissima, davvero, non è molto che seguo il suo blog, l'avevo scoperto tramite altre blogghine, però me ne sono subito innamorata perchè le ricette sono semplici, genuine e tutte da provare e poi la grafica è uno spettacolo!
GRAZIE ANTO, GRAZIE GRAZIE GRAZIE

Se non ho capito male la procedura quando si riceve il "PREMIO SIMPLICITY" è questa:

  • Rispondere alla domanda: "Che cos'è la semplicità?
    • La semplicità per me è essere se stessi, nel bene e nel male, non strafare, cercare di restare sempre con i piedi per terra: ed è proprio quello che "metto" anche nelle mie ricette! Se un piatto è troppo elaborato, non fa per me, non seguo neppure la ricetta e volto pagina in cerca di qualcosa di semplice e genuino.
  • Dedicare a chi ci ha donato il premio un'immagine:

Mergozzo (VB) 26 Luglio 2012

    • Questa foto l'ha scattata mio marito, il penultimo giorno di ferie estive...a me dona serenità, pace, mi rilassa...è un'immagine semplice, ma ricca di significato
  • Donare il premio ricevuto a 12 blogger
    • Oh cavolo...qui viene il difficile...i miei sostenitori sono 32 e io devo sceglierne solo 12...sono affezionata a tutti, come si fa?!? Non posso fare figli e figliastri :((( Va beh, ho capito devo scegliere, lo faccio a caso perchè non ho preferenze, seguo tutti i Vs. blog con passione e curiosità...non me ne vogliate vi prego!

Grazie ancora ad Anto, al suo gentilissimo pensiero, spero di meritarlo!
Bacini

giovedì 18 ottobre 2012

Lasagne al pesto al forno

Ciao blogghine!
Tutto bene?
Io in questi giorni sto girando per scuole materne...mamma mia che emozione vedere quei banchetti, quelle seggioline, quegli armadietti e immaginare il mio cucciolo, fra un anno, che entrerà col suo grembiulino, che sarà lì in mezzo a tanti cucciolotti a giocare assieme, a spingersi, a rincorrersi...nuovi amichetti, l'amichetto del cuore...e poi i pasti con i bimbi coetanei e poco più grandi.
Bene bene bene considerando che io ho sempre odiato andare all'asilo, ero mammona (dico ero perché chi mi conosce sa che ora non lo sono per niente e mia mamma per questo è un po' dispiaciuta...dice che sono troppo indipendente! Bacini alla mia mamy!!!) e non sopportavo l'idea di stare senza di lei...poi ai miei tempi (beh non parliamo di cent'anni fa!) non si faceva l'inserimento, quindi il primo giorno di asilo, la mamma ti doveva mollare lì in mezzo a tanti marmocchietti sconosciuti, io timidina che ero (e un po' sono ancora).

Eccoci alla ricetta di oggi, sembra un piatto laborioso, ma in realtà ci vuole più a descriverlo che a farlo. Io ad esempio preparo il pesto il giorno prima, mentre la sfoglia riposa, preparo la besciamella...mentre alcune sfoglie cuociono, ne passo altre nella macchinetta...insomma sembra una catena di montaggio!!! Sono ottime con l'aggiunta di tocchetti fagiolini e patate...io purtroppo me li sono scordati questa volta...

LASAGNE AL PESTO AL FORNO

Ingredienti:
  • Sfoglia (vanno benissimo anche 500 gr di pasta per lasagne già pronta, fresca o secca!)
    • 400 gr di farina 00
    • 4 uova
    • poco olio (facoltativo)
  • Besciamella
    • 1 lt di latte
    • 2 cucchiai di farina 00
    • 80 gr di burro
  • Pesto
    • 2 mazzi di basilico
    • pinoli
    • pecorino o parmigiano grattugiato
    • olio
    • latte
  • Formaggio grattugiato
  • Farina 00 per il piano da lavoro
  • Burro qualche fiocco
  • Sale
Sfoglia: nella planetaria mettere la farina, le uova ed impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico (eventualmente aggiungere un cucchiaio di olio). Formare una palle, avvolgere nella pellicola e lasciare riposare in frigorifero per 30 minuti circa
Besciamella: scaldare il latte mentre in un'altro pentolino far rosolare il burro con la farina. Unire quindi poco latte alla farina e rimescolare con una frusta in modo che non si formino grumi, aggiungere poi tutto il latte e sempre rimescolando portare a bollore e continuare a cuocere fin quando non si è raggiunta la giusta consistenza (né troppo liquida, né troppo densa...)
Pesto: innanzitutto io non metto l'aglio perché a casa mia nessuno lo digerisce... Lavare accuratamente le foglie del basilico. Nel frullatore mettere un paio di manciate di pinoli, qualche cucchiaio di formaggio grattugiato (purtroppo non so darvi le dosi precise perché lo faccio ad occhio, o meglio lo assaggio e sento se aggiungere altri pinoli o altro formaggio...!), il basilico e un cucchiaio di olio, iniziare quindi a frullare, aggiungendo altro olio finché non si ottiene il pesto bello cremoso (ricordate che lo potete congelare così appena fatto oppure mettere in un barattolo completamente coperto di olio e conservarlo in frigo per 3-4 giorni al massimo).
Stendere la sfoglia con l'aiuto della macchina per la pasta (o con il mattarello...), devono venire delle strisce lunghe e sottili, che si taglieranno a rettangolo con una rotella da pizza. Metterle sul piano di lavoro cosparse di un velo di farina. Farle quindi cuocere in acqua bollente salata (come se fosse una normale pasta) fin quando non vengono a galla. Scolarle con una schiumarola e adagiarle su uno strofinaccio.
Diluire il pesto in una terrina con del latte fino a renderlo della stessa consistenza della besciamella.
In un tegame da forno, mettere un velo di besciamella, uno strato di sfoglia, il pesto diluito, poi un altro strato di sfoglia, la besciamella, una spolverata di formaggio e un pizzico di sale. Continuate così gli strati concludendo con besciamella, formaggio, sale e qualche fiocchetto di burro.

A questo punto potete cuocerle in forno a 180° per 10 minuti (devono solo un pochino colorirsi), oppure, se le mangerete il giorno dopo, potete coprirle con carta d'alluminio e metterle in frigorifero.

Et voilà il risultato:



l'ultima fettina rimasta...


Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di A pancia piena si ragiona meglio


Buon appetito!
Bacini

martedì 16 ottobre 2012

Bicchieri pesche e crema pasticcera

Questo post è per festeggiare "virtualmente" il compleanno di una mia nuova amica. L'ho conosciuta qualche mese fa ai giardini, anche lei mamma,di una splendida bimba che ha 5 giorni in più del mio cucciolo. E' stata lei ad "attaccar bottone" (io come al solito sono sempre un pochino in disparte e timorosa di avvicinarmi alle persone...uffi che caratteraccio che ho!), dapprima sono scattati i complimenti ai bimbi, la voglia di farli giocare insieme (e direi che, anche se sono piccolini, un po' di intesa c'è)...e da cosa nasce cosa, abbiamo iniziato a parlare del più e del meno, delle nostre vite. Nel periodo estivo quasi non ci siamo viste, ma da un mesetto a questa parte ecco che, con un'altra ragazza, formiamo proprio un bel trio! 
K è una persona deliziosa, una persona di cui fidarsi, con cui confidarsi, una mamma premurosa, attenta e giocherellona. Sono contentissima di averla conosciuta, spero sia l'inizio di un'amicizia vera, quella con la A maiuscola, quella che cerco da tempo...grazie bimbi per averci fatto incontrare! Un bacione K e BUON COMPLEANNO! 
Ho pensato di festeggiarti con un dolce al cucchiaio golosissimo, proprio come te, però nello stesso tempo anche salutare con le pesche tagliate a pezzetti così può mangiarli anche la tua bimba! Neanche a dirlo, il mio bimbo se n'è pappato uno!!!

BICCHIERI PESCHE E CREMA PASTICCERA
  • Crema pasticcera [ricetta di diariodellemiericette]:
    • 250 ml di latte
    • 1 uovo 
    • 15 gr di zucchero
    • 15 gr di farina 00
    • 1 pizzico di sale
    • 250 gr ml di panna da montare
  • 2 pesche tagliate a pezzetti
In un pentolino, scaldare il latte senza farlo bollire (deve essere tiepido) Montare l'uovo con lo zucchero e la farina mediante le fruste elettriche.
Mettere il composto nel pentolino con il latte, rimescolando con le fruste, aggiungere il sale. Cuocere per pochi minuti fino a quando abbia raggiunto una consistenza né troppo densa né troppo liquida.
Mettere la crema in un contenitore, coprirla a filo con la pellicola e lasciarla raffreddare.
Montare la panna ed unirla alla crema pasticcera nel momento di utilizzarla.
Lavare, sbucciare e tagliare le pesche a pezzetti.
Nei bicchieri mettere uno strato di pesche, qualche cucchiaio di crema pasticcera e guarnire con altre pesche.

Et voilà il risultato:





Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di anto nella cucina [per festeggiare il suo compleanno, anche se sarà il 4 Dicembre e le pesche fresche non ci saranno...però si possono utilizzare quelle sciroppate...voglio provare a farle e presto vi metterò la ricetta!]



Buon appetito!
Bacini

lunedì 15 ottobre 2012

Frittata di funghi


Ciao blogghine!
Buon inizio settimana! ...qui sotto la pioggia...l'autunno è proprio arrivato! Passato bene il fine settimana?

Io alla grande! Sabato, come vi avevo anticipato, sono andata in centro, ho assistito ad una dimostrazione del cuoco Mattia Poggi presso il negozio Tarigo Cose di Casa (p.zza Colombo a Genova...per chi è del luogo, guardate su internet perchè ogni sabato ci sono iniziative di questo genere!), ho fatto un giretto (anche se mi sa che sto invecchiando...c'era troppa gente e stavo un po' impazzendo a camminare a spintoni!)...e meno male che c'è crisi, i bar erano strapieni di gente che prendeva l'aperitivo, ma proprio pieni pieni pieni! :)
Poi ho fatto una cappatina dalla mia mamma e dal mio papà, in attesa arrivassero i miei uomini con i quali siamo andati a cena fuori per il 30° compleanno di una nostra amica. 
Ieri invece, eravamo invitati alla Cresima dei figli di un collega-amico del mio maritino (lui ha fatto da padrino alla ragazza), ed è stata una bella giornata...siamo andati a pranzo in un ristorantino delizioso a Trensasco (GE)...ed il nostro cucciolo è stato un tesoro sia a tavola che tra le tavolate!

Bene ora che sapete come ho trascorso questi due giorni, passiamo alla ricettina!
Continua la "sagra" del fungo a casa mia...con un paio di porcini ho preparato questo antipasto/secondo piatto davvero buono buono!

FRITTATA DI FUNGHI
[Ricetta di Benedetta Parodi, con qualche modifica]

Ingredienti:
- 2 porcini di media grandezza
- 3 uova
- 50 gr di parmigiano grattugiato
- prezzemolo
- 1 cipollina
- sale
- olio 

Pulire per bene i porcini e tagliarli a pezzetti piccoli. Tritare la cipolla e farla soffriggere in una padella con poco olio e aggiungere i porcini. Portarli a cottura e metterli da parte in una ciotolina.
In una terrina mettere 2 uova + 1 tuorlo, il prezzemolo, il parmigiano ed il sale, unire quindi i porcini . Montare a neve l'albume ed unirlo al composto, mescolare delicatamente. 
Nella padella in cui avete cotto i funghi, mettere un filo di olio e, una volta caldo, versarvi il composto, livellare velocemente. Aspettare che si rapprenda da un lato, poi con l'aiuto di un piatto o di un coperchio, girare la frittata e cuocere dall'altro lato. Servire calda o tiepida come antipasto tagliata a cubetti o come secondo accompagnata da insalata mista.

Et voilà il risultato:


è un pochino bassa, ma è deliziosa!

Buon appetito!
Bacini 

sabato 13 ottobre 2012

Risotto zucca e funghi

Buon sabato pomeriggio blogghine!
Qui oggi il tempo è incerto, un po' come il mio fisico...va beh sorvoliamo che è meglio!
Forse forse riesco a ritagliarmi il pomeriggio tutto per me (ovviamente non sono in perfetta forma...avevate dubbi?!?), in un negozio in centro c'è una dimostrazione gratuita di cucina con l'uso dei prodotti Tescoma...e così colgo l'occasione al volo per mollare i due uomini (che con l'occasione faranno una sorpresa ai nonni per la merenda!). A cena invece siamo invitati al 30° compleanno di un'amica...futura mammina a Gennaio...

Che bello è arrivato il periodo della zucca, noi l'adoriamo, la uso per tanti piatti e, pur di non rimanere senza, ne ho comprato una fetta in più e l'ho congelata facendola a dadini! 
Ho aperto la stagione della zucca con questo primo piatto che, come tutte le mie ricette, è semplice ma ha un sapore delicato, raffinato e la presenza dei funghi toglie l'eventuale lieve dolcezza della verdura.

RISOTTO ZUCCA E FUNGHI

Ingredienti:
- 500 ml di brodo vegetale (io lo faccio sempre con il dado...)
- 350 gr di riso per risotti
- zucca (quantitativo a piacere...io ne metto sempre una bella fettona!)
- 3 funghi secchi
- cipolla
- olio
- sale
- formaggio grattugiato
- 1 bicchiere di vino bianco
- 1 noce abbondante di burro

Innanzitutto il brodo deve essere bollente.
Lavare e tagliare a dadini piccoli la zucca (a me piace che si sciolga un pochino...altrimenti lasciate dadini un pochino più grossi).
Nella pentola a pressione versare un filo di olio e farvi rosolare la cipolla tagliata sottile. Togliere la cipolla e tenerla da parte. Nell'olio far tostare il riso (ho scoperto che per sapere se il riso è tostato, basta prenderne due chicchi tra le mani e se brucia la pelle, allora è tostato! Consiglio di una chef incontrata per caso in un negozio del centro durante una dimostrazione della pentola a pressione Lagostina!). Sfumare quindi con il vino bianco. Unire la zucca, i funghi ed il brodo. 
Chiudere la pentola a pressione e, dal sibilo, calcolare 7 minuti. Sfiatare subito, controllare la cottura, ed eventualmente finirla senza coperchio. Lontano dal fuoco unire la noce di burro e il formaggio grattugiato, aggiustare di sale. 
Servire dopo un paio di minuti, cospargendo il risotto con abbondante parmigiano.

Et voilà il risultato:


...con una generosa spolverata di formaggio grattato...

Con questa ricetta vorrei partecipare al contest del blog Nella cucina di Laura



Buon appetito!
Bacini

venerdì 12 ottobre 2012

Budino ciocco-amaretto

"A te che sei l'unico al mondo 
L'unica ragione per arrivare fino in fondo 
Ad ogni mio respiro 
Quando ti guardo 
Dopo un giorno pieno di parole 
Senza che tu mi dica niente 
Tutto si fa chiaro..." ["A te" di Lorenzo Jovanotti]



A te amore mio, a te che sei la mia vita, a te che dal 13 Aprile 2010 sei nella mia vita...quando ti ho visto per la prima volta eri una pallina che vagavi dentro di me, poi ti sei trasformato in un fagiolo dapprima tranquillo, poi irrequieto con il singhiozzo che ti compariva ogni sera quando iniziavi a farti sentire anche dal tuo papà che ti sussurrava che ti voleva già un gran bene.
A te cucciolo mio, che il 21 Dicembre 2010 alle 05.10, dopo una notte intensa e faticosa per entrambi, sei finalmente uscito allo scoperto, con i tuoi splendidi occhioni già curiosi di scoprire il mondo, con le tue manine in bocca perché avevi già fame!
A te luce dei miei occhi che illumini ogni mia giornata, mi dai la grinta di fare tante cose perché sono tutte fatte per te.
Ti amo più di ogni altra cosa al mondo, sei la mia soddisfazione più grande! 
La tua mamma ti dedica questo post e questa ricetta, perché il budino è uno dei tuoi dolci preferiti e questa è l'ultima versione che hai divorato!


BUDINO CIOCCO-AMARETTO

Ingredienti:
- 1 bustina di budino al cioccolato da zuccherare
- 2 cucchiaini di zucchero
- 9 amaretti
- 500 ml di latte

In un pentolino versare la busta del budino (io ne ho trovato uno favoloso alla Ekom, marca "BONDIS - budino gusto cioccolato da zuccherare", ha un gusto veramente delicato e lo si zucchera quanto si vuole...nulla da invidiare ad altre marche famose), unire poco latte e mescolare con una frusta in modo che non si formino grumi. Mettere sul fuoco, unire il restante latte e mescolare; sbriciolare 5 amaretti ed unirli nel budino. Portare ad ebollizione. Una volta raggiunto il bollore, abbassare il fuoco e, sempre mescolando, calcolare un paio di minuti.
Io uso 4 coppettini di alluminio, sul fondo dei quali ho messo un amaretto rivolto con il "sederino" verso l'alto, ho quindi versato il budino nei coppettini. Lasciare intiepidire (per fare prima io li ho messi in un contenitore con acqua e ghiaccio) e mettere in frigo un paio d'ore prima di servirli.
Al momento di consumarli, con l'aiuto di un coltello, staccare dai bordi il budino e capovolgerlo in una coppettina. Se volete potete spolverarlo con altri amaretti sbriciolati.
E' un dessert semplicissimo da preparare, ma di grande effetto!!! Ottimo pure per una merenda...il mio bimbo ne va ghiotto!!! Si lo so, il budino è semplice da preparare, ma per una volta concedetemi la comodità di quello in busta!!!

Et voilà il risultato:





Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di valy cake and...



Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di un tavolo per quattro



Buon appetito!
Bacini

giovedì 11 ottobre 2012

Funghi e patate

Buongiorno amiche blogghine!
Come state? Qui nella norma, anche se sono un po' stufa di questo tempo caldo-umidiccio...insomma che si decida! L'altro giorno sono uscita alle 6.35 per andare in ufficio e pioveva, alle 11.00 quando sono uscita per tornare a casa c'era il sole e un caldo allucinante...ma si può?!? 
Oggi sono un pochino giù di corda perchè mi rendo conto che, volendo fare mille cose al giorno, spesso sono nervosa e basta una piccola marachella del mio cucciolo che scatto come una molla e lo sgrido...ieri ho proprio dato di matto perchè, dopo mesi, sono entrata in merceria per comprarmi un paio di calze e lui è diventato una iena: toccava tutto, andava dietro il bancone, tirava giù tutto dagli scaffali, voleva infilarsi nella vetrina...giuro che non so cosa gli fosse preso perchè a casa mai e poi mai fa cose simili. Sono uscita dal negozio con una voglia pazzesca di fare le valige e partire per un'isola deserta con biglietto di sola andata!
Poi però ti guarda con quegli occhioni espressivi così dolci che ... me lo mangerei di baci!

Bene bene bene...con questo bel tempino sono spuntati tanti funghetti, almeno qui da noi. Io non me ne intendo proprio, non li conosco e non li raccolgo neppure, ma un gentile collega del mio maritino ne ha raccolti un po' anche per noi e così ho cercato tante ricettine sfiziose in cui utilizzare tanti splendidi porcini. Inizio col postarvi la prima ricetta, un delizioso e delicato contorno:

FUNGHI E PATATE

Ingredienti:
- 2 funghi porcini di media grandezza
- 2 patate di media grandezza
- olio
- sale
- prezzemolo

Pulire bene i funghi ed affettarli, non troppo sottilmente, per la lunghezza. Lavare, sbucciare e tagliare molto sottili le patate. In una teglia unta di olio disporre uno strato di patate, salare, unire una spolverata di prezzemolo e cospargere di olio. Coprire con uno strato di funghi, oliare, una spolverata di prezzemolo e salare. Cuocere in forno a 180° per 25 minuti circa (controllare la cottura delle patate prima di sfornare!).
Sono ottime per accompagnare una tenera fettina al burro (passata in padella con alcuni pezzetti piccoli di fungo).

Et voilà il risultato:



Buon appetito!
Bacini

mercoledì 10 ottobre 2012

Petto di pollo farcito a modo mio

Amiche blogghine ciaoooooooooooooooooooooooooooo!
Non sono scappata, non sono partita per le ferie, non sono stata malata...semplicemente non funzionava internet a casa...disastrooooooooooooooo! Ma come si faceva fino a qualche anno fa in cui internet non c'era? Continuavo a provare il collegamento, ma nulla da fare...mannaggia! Mi siete mancate un sacco, devo ancora tuffarmi nei vostri ultimi post, ma prima di farlo inizio una carellata di post-ricette con un secondo che ho preparato la settimana scorsa e che ha riscosso un ottimo successo. Diciamo che tutto è nato perchè avevo tanto petto di pollo in freezer e volevo cucinarlo in maniera un po' sfiziosa, poi c'era dello speck che era meglio far andare e così mi sono inventata il

PETTO DI POLLO FARCITO a modo mio

Ingredienti:
- 6 fettine di petto di pollo
- 1 hg circa di speck a fettine
- 2 sottilette
- olio
- sale
- mezzo bicchiere di vino bianco
- rosmarino

Se il petto di pollo non è sufficientemente sottile, battetelo con il batticarne mettendo le fettine tra due fogli di carta da forno.
In ogni fettina di petto di pollo adagiare 1 o 2 fettine di speck in modo che questo fuoriesca un pochino dal pollo; mettere quindi un piccolo pezzetto di sottiletta. Arrotolare la carne in modo da ottenere un involtino che fermerete con gli stuzzicadenti.
In un tegame oliato mettere gli involtini, cospargere con poco sale. Una volta rosolati, sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare e cospargere con qualche rametto di rosmarino. Cuocere per 10 - 15 minuti.
Et voilà il risultato:



Io ho accompagnato gli involtini con un fungo porcino tagliato molto sottile, passato nell'uovo, nel pangrattato e fritto in olio di semi e delle patate tagliate a cubetti e cotto con un filo di olio, rosmarino e sale.

Buon appetito!
Bacini

mercoledì 3 ottobre 2012

Pesche con gli amaretti ... e si festeggia!!!


Ciao blogghine!
Amiche mie...come state? Qui meglio, al mio cucciolo sta passando la tosse-raffreddore e io oggi fortunatamente non ho mal di testa...sto impiegando una vita a scrivere perché ho il mio ometto in braccio e  per ogni tasto che tocco lui ne tocca 10...una piovra insomma!!! 

Quando sono uscita dal lavoro ero già in ritardo e, come al solito, di corsa così sono passata dal supermercato dove mi servo regolarmente ed ho comprato una fetta di polpettone da dare al mio tesoro per pranzo perché non avevo tempo di preparargli nulla e io dopo mezz'ora sarei riuscita per una commissione...la prossima volta gli farò un piattino di pasta anche in bianco perché nel polpettone (molto buono oltretutto) c'era tantissimo aglio che lui non ha digerito perché io non lo uso quasi mai e quel poco lo tolgo dopo averlo soffritto...e va beh è proprio vero che meglio della cucina di casa non c'è nulla!!!

Ma torniamo a noi, perché nel titolo ho scritto che si festeggia?!? Ci sono ben due ricorrenze da festeggiare: innanzitutto il mio blog ha raggiunto i 20 membri!!! 
GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEE BLOGGHINEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!! 
Vi voglio bene, con la B maiuscola, siete deliziose, mi lasciate dei commenti tenerissimi e spero di approfondire la vostra amicizia al di là delle ricette.
La seconda ricorrenza è il secondo anno del blog arbanelladibasilico.blogspot.it della mia amica/compaesana genovese Carla Emilia...auguri!

Ecco quindi questa ricettina per festeggiare tutte assieme:

PESCHE CON AMARETTI nella pentola a pressione

Ingredienti per 6 persone:
- 3 pesche
- 50 gr di amaretti + 10 per la decorazione
- 1 tuorlo d'uovo
- 50 gr di zucchero
- 10 gr di cacao amaro

Lavare molto bene le pesche, tagliarle a metà e togliere il nocciolo. Scavare in modo da allargare l'incavo. Frullare la polpa tolta con il cacao, lo zucchero  e gli amaretti sbriciolati  unire quindi il tuorlo. Con questo composto farcire le pesche. Disporre i frutti nel cestello della pentola a pressione, coprendo ogni metà con un fiocchetto di burro. Chiudere e cuocere per 4 minuti dal sibilo.
Se volete potete prepararle in forno, mettendo i frutti su carta da forno e cuocere per 30 minuti ca a 180°.
Servire tiepide con sopra ogni metà un amaretto e gli altri amaretti sbriciolati.

Et voilà il risultato:


Sono deliziose, piacciono a grandi e piccini! Se volete renderle ancora più "accattivanti" potete unire al composto un bicchierino scarso di moscato (io non l'ho messo perché pensavo non piacesse al mio cucciolotto).

Buon appetito!
Bacini

lunedì 1 ottobre 2012

Crostata di verza e formaggio

Ciao blogghine!
Come avete iniziato questa settimana? Io con un gran mal di testa, sarà colpa di questo tempo umidissimo, di questa pioggia, sarà perché ieri era bellissimo e caldissimo...da mare... e oggi è autunno inoltrato?!?...va beh comunque devo ammettere che sto invecchiando perché in queste ultime due settimane sono proprio una carretta.
Ma passiamo alla ricetta di questo Lunedì 1 Ottobre:

CROSTATA DI VERZA E FORMAGGIO

- 500 gr di verza lavata e tagliata a striscioline
- olio
- cipolla e aglio
- sale
- 200 gr di formaggio (fontina o toma o formaggio tipo Galbanino...io ho fatto un mix stile "svuota frigo!")
- 2 uova
- pepe
- noce moscata

- 200 gr di farina 0
- sale 1 cucchiaino
- acqua q.b.

Iniziare con la sfoglia: impastare la farina con il sale e aggiungere acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Fasciarla nella pellicola e lasciarla riposare per ca. 30 minuti.

In una padella con poco olio, far soffriggere la cipolla affettata e l'aglio (io poi lo tolgo), unire quindi la verza e cuocere a fuoco moderato e coperta per 15 minuti in modo che asciughi.
Nel frattempo in una terrina, sbattere le uova con il pepe, la noce moscata e unire il formaggio tagliato a dadini. Una volta che la verza si è un pochino intiepidita unirla alle uova. 
Stendere la pasta e adagiarla su una teglia (coperta da carta da forno o oleata), versarvi il composto di verza e con la pasta avanzata fare delle striscioline tipiche da crostata.

Infornare a 180° per 40-45 minuti.

Et voilà il risultato:



Crosta di verza e formaggio con  gli attrezzi da lavoro!

Crostata di verza e formaggi prima di essere infornata




Buon appetito!
Bacini